I social network fanno parte ormai della nostra vita quotidiana, e tutti, ma proprio tutti ne fanno uso. Nonostante Facebook sia ancora considerato il papà di tutti i social è Instagram il padrone indiscusso di questo prolifico quanto a tratti preoccupante mercato.

Oggi possiamo distinguere due tipologie di social: quelli quotidiani e quelli funzionali.

I Primi sono quelli che usiamo più volte a settimana o al giorno che contribuiscono a definire le nostre identità di relazione. Facebook ed Instagram per intenderci.

Ci sono poi i social funzionali, che utilizziamo saltuariamente poiché soddisfano un bisogno specifico e in questo caso i principali sono senza dubbio YouTube, Trip Advisor e Facebook Messenger

In questa panoramica il re indiscusso sembra essere proprio Instagram.

In Italia ha raggiunto quasi quota 16 milioni di iscritti (contro i 30 di Facebook) e nel mondo può contare su 900 milioni di utenti attivi, il 59% dei quali compresi in un’età che va dai 18 ai 29 anni.

Ma allora perchè Instagram sta prendendo sempre più piede rispetto a Facebook? La risposta è nella Generazione Z cioè tutte le persone nate dal 2000 al 2013 che rappresentano il futuro del panorama social italiano e non solo.

L'aspetto importante di questa generazione è il suo diffuso utilizzo di Internet sin dalla nascita, i cosiddetti nativi digitali, ovvero coloro che sono nati con lo smartphone in mano e che hanno sviluppato negli anni una tendenza sempre più crescente alla “forma” intesa come immagine vera e propria.

In questo contesto Instagram è il leader indiscusso. Il social network delle immagini per eccellenza.

Ci troviamo davanti sicuramente ad un aspetto sociale che fa riflettere ma che va di sicuro tenuto in considerazione per improntare future attività di marketing e il 2019 spalanca le porte a questa continua crescita.

{fastsocialshare}

Finalmente il nuovo sito di Suite San Rocco realizzato da Papaya è online.
E' un sito moderno e avanzato studiato soprattutto per la visualizzazione da mobile ma responsive su tutti i devices. Viene valorizzata la parte grafica e sono poste in evidenza le sezioni relative alle immagini e ai video che rendono più accattivante il tutto.

Tutti i contenuti sono stati personalizzati con cura in ogni dettaglio in piena ottica di posizionamento sui motori di ricerca.

Il sito si caratterizza con tratti ideali per una comunicazione diretta ed efficace. La semplice funzionalità del format di prenotazione ed una photogallery di grande impatto rendono il tutto più dinamico e di forte interesse. 
Il sito, tradotto in varie lingue, permette un'accessibilità a 360° che spinge Suite San Rocco su un mercato internazionale di cui il made in italy è di forte importanza strategica.

In bocca al lupo a tutto lo staff di Suite San Rocco per questa fantastica iniziativa.
Non vi resta che dargli uno sguardo.

www.suitesanrocco.it

{fastsocialshare}

Quanto è importante capire cosa pensa di noi il cliente?

É sempre stato importante ma oggi con lo sviluppo della digital communication lo è ancora di più. L'80% degli italiani non è solamente presente sul web da un punto di vista personale e privato o aziendale e imprenditoriale ma ne è diventato schiavo creando una sorta di Internet lifestyle ovvero quei gesti quotidiani, consapevoli o meno, che ci portano sempre di più a controllare lo smartphone per vedere le ultime novità su Google, Facebook, Instagram ecc.

Gli utenti presenti sul web, dunque, oltre ad esprimere le proprie idee, presentare i propri progetti di vita, intraprendere attività commerciali sono soggetti ad un giudizio costante che in alcuni casi può essere positivo, in altri altri negativo ma che ha un fattore comune di cui molto spesso ci si dimentica: Tutto ciò che scriviamo o scrivono di noi rimane impresso per sempre sul web.

I latini lo dicevano così: “Verba volant, scripta manent”

Da un punto di vista professionale tutto questo rappresenta un aspetto imprescindibile per sviluppare il proprio business online. Ecco perciò che assume un’importanza considerevole la "Web Reputation” aziendale ovvero la percezione della propria azienda sul Web.

La nostra reputazione sul web, a sua volta, non può prescindere da un concetto basilare: Non serve essere presenti sul web, va considerato come un canale che non misura la nostra presenza, ma la nostra reputazione, quello che si dice di noi o della nostra attività.

Per la maggior parte delle aziende un fattore di importanza vitale per la propria reputazione è legato alla strategia e agli obiettivi che qualsiasi imprenditore si pone all’inizio di un progetto.

Come si può essere un'azienda leader o un importante professionista se non ci si preoccupa di curare il dettaglio in ciò che ci rappresenta con il pubblico del web? È una semplice sfaccettatura ma il dettaglio fa la differenza e ogni cosa, se fatta, deve essere uno specchio del proprio modo di fare.

{fastsocialshare}

La domanda è lecita e la risposta incuriosisce. Se la proprietà di Facebook, Instagram e Whatsapp è la stessa per quale motivo avere 3 tipologie di chat differenti?
Esiste un modo per ottimizzare un servizio di messaggistica che riesca a connettere le tre applicazioni?
Sembra proprio che la risposta sia arrivata proprio dai vertici alti di Menlo Park, quartier generale di Facebook.

Potrebbe essere una delle notizie più importanti nei quindici anni di storia di Facebook quella secondo cui i servizi di messaggistica di Whatsapp, Instagram e Messenger verranno unificati. 
La decisione sarebbe stata presa direttamente dall’amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, che lo avrebbe annunciato ai suoi collaboratori lo scorso 7 dicembre.

Da quello che si evince le tre app rimarranno comunque utilizzabili separatamente ma i risvolti saranno comunque significativi per gli utenti. Una volta unificato il servizio si potrà, ipoteticamente, avere una conversazione via WhatsApp con un utente che ha solo un account Instagram o Facebook, e il tutto rimarrebbe comunque crittografato end-to-end, cioè attraverso il sistema di protezione dei nostri dati usato da WhatsApp a partire dal 2016, ma anche Telegram, Viber, Line e tante altre app di messaggistica istantanea.

I portavoce di Facebook fanno sapere che si sta lavorando da tempo all’ampliamento della crittografia end-to-end a tutte le piattaforme di messaggistica istantanea controllate dal social network, e questo dovrebbe tranquillizzare almeno parzialmente gli utenti sulla questione della privacy e della diffusione dei dati di miliardi di utenti.

L’obiettivo dell’operazione di unificazione sarebbe quello di aumentare l’usabilità di tutte le chat delle varie app controllate da Facebook. Secondo l’azienda di Mark Zuckerberg questo creerà una piattaforma più veloce, più sicura e più affidabile.
A quanto riportato dal New York Times la fusione della piattaforme avverrà all’inizio dell’anno prossimo.

{fastsocialshare}
Torna Su